domenica 13 gennaio 2019

Alessandria: presentazioni in biblioteca


PROGETTO “LETTURE IN BIBLIOTECA”


 Fabrizio Priano Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente- Laboratorio di Idee presenta il progetto “Letture in Biblioteca” con il quale si intende promuovere la lettura di libri semplificandone la comprensione attraverso l’incontro con i relativi Autori nel luogo maggiormente deputato alla lettura : la Biblioteca Civica “Francesca Calvo” di Alessandria.
Gli incontri calendarizzati per l’anno 2019 vedranno nei primi due mesi la presentazione di libri di quattro Autori, ciascuno con argomenti di genere diverso.
Martedì 15 gennaio 2019 alle ore 17,00 Inaugura il progetto lo scrittore Sergio PIZIO, con il suo libro dal titolo “Contro il tempo”
presso la Sala Bobbio della Biblioteca Civica “Francesca Calvo” di Alessandria in piazza Vittorio Veneto, 1.
Partecipa l’editore Marco FERRARI (Casa Editrice Vicolo del Pavone). Legge alcuni brani del libro Cristina SARACANO

Sergio PIZIO si presenta


La passione della scrittura è sempre stata presente nella mia vita. Fin da ragazzo scrivevo racconti lunghi, elaborando nella mia testa personaggi di pura fantasia, dando loro una vita propria, impressa sopra ad un foglio di carta. Ne scrissi parecchi, custodendoli dentro ad una cartellina verde. Qualsiasi momento di riflessione mi portava a scrivere, anche sopra ad un tovagliolo di carta. Durante il servizio militare, ho perfino scritto lettere per i miei commilitoni alle loro rispettive ragazze, che non conoscevo neppure! Ilacconto più lungo contava circa sessanta fogli tipo A4, e si intitolava Margaret. Negli anni a seguire, precisamente nel mese di Maggio 2002' scrissi un romanzo "La piccola Sofia" ( Alessandria Editrice) dai risvolti drammatici, mia moglie Tiziana dopo averlo letto, mi convinse a farlo pubblicare. In seguito nel Novembre 2007' scrissi un romanzo sul genere paranormale " I paesaggi dell'anima"( Joker Edizioni) peraltro un'argomento che trovo molto interessante. Nel mese di Settembre di quest'anno ho curato e scritto la parte romanzata del libro "Cuore d'atleta" (Effedí Edizioni) del top runner Vincenzo Scuro. Ed ora eccomi a presentare il mio nuovo romanzo " Corsa contro il tempo " ( Casa Editrice Vicolo del Pavone) genere fantasy thriller politico.
(com.s.)

 

 

venerdì 11 gennaio 2019

La grande festa per il Maestro Ezio Gribaudo


I NOVANT’ ANNI DEL MAESTRO EZIO GRIBAUDO
 

Torino – Presso il Museo Nazionale del Risorgimento di Torino, giovedì 10 gennaio 2019 il Maestro Ezio Gribaudo, uno dei massimi esponenti dell’ arte contemporanea italiana, ha celebrato i suoi 90 anni, con una grandiosa festa. Il Maestro ha salutato tutti i presenti uno ad uno.

Tra il numerosissimo pubblico amici, scrittori, giornalisti, esponenti del mondo culturale e istituzionale.

Sono intervenuti tra gli altri: Ferruccio Martinotti, Direttore del Museo Nazionale del Risorgimento ricordando che nel 1964 il Maestro eseguì su commissione di Francesco Cognasso tre dipinti di grandi dimensioni, opere a soggetto storico, ora esposte alla Sala Codici del Museo e visitabili fino al 27 gennaio. L’ Assessore alla Cultura della Città di Moncalieri, dove il Maestro Gribaudo è stato molto attivo, lo storico casalese Roberto Coaloa (suo il testo in catalogo) ed ha concluso gli interventi la figlia Paola Gribaudo ringraziando a nome della famiglia tutti i presenti; commossa ha rivolto un ringraziamento particolare al padre per la solida educazione che ha dato ai suoi figli e la curiosità verso la vita, siamo orgogliosi di essere tuoi figli, ha sottolineato Paola; ha inoltre ricordato che è stata fondata una Fondazione e che nell’ arco di questo 2019 sono previste numerose rassegne espositive. Sarà realizzato anche un film e per questo, ha comunicato Paola che siete ripresi dalle telecamere presenti. Un breve video è già visibile alla sala cinema del Museo.
 

Ezio Gribaudo è  conosciutissimo in Monferrato: è Cittadino Onorario di Conzano dal 2000, borgo al quale ha donato un grande canguro visibile in Piazza Australia  e dove ha esposto, in Villa Vidua, nel 2011 in occasione del 150° Anniversario dell’ Unità d’ Italia. La sua presenza sulle nostre colline è costante, in particolare alla Locanda dell’ Arte di Solonghello, con mostre e con “piacevoli conversazioni a ruota libera”: momenti nei quali incanta gli spettatori con i suoi aneddoti, gli incontri ed i racconti della sua lunga carriera artistica. E’ stato invitato ad esporre una sua opera, in qualità di  Ospite d’ Onore  alla quinta edizione (2013) della M.A.C. - Mostra Arte Contemporanea, da me curata,  allestita presso lo Spazio La Nisolina di Lu,  opera realizzata a tecnica mista riproposta nel 2018 in occasione della decima edizione e con pubblicazione in catalogo.

La grande festa si è conclusa con il taglio delle torte raffiguranti i simboli che rappresentano le sue opere.

La mostra  delle grandi  opere ad olio su tela del 1964 alla Sala Codici del  Museo Nazionale del Risorgimento di Torino, ubicato nella centrale piazza Carlo Alberto è visitabile fino al 27 gennaio 2019.

 

(Nadia Presotto- immagini Renato Luparia)

giovedì 10 gennaio 2019

"Uno sguardo diverso" a Milano


UNO SGUARDO DIVERSO

 

Giò Bonardi, Michelle Hold, Andrea Massari, Bona Tolotti, Daniela Vignati

 

A cura di Susanne Capolongo

 

Dal 15 gennaio al 2 febbraio 2019 Inaugurazione: martedì 15 gennaio h. 18,30

 

Associazione Culturale Renzo Cortina, Via Mac Mahon 14 interno 7, Milano

Tel: 0233607236    e-mail: artecortina@artecortina.it    www.cortinaarte.it

 

Il territorio, l’uso della materia e il colore sono gli elementi accomunanti i cinque artisti che sono ospitati in galleria con la mostra Uno sguardo diverso. Il territorio è il Monferrato casalese. Gli artisti fanno parte del gruppo ArtMoleto, creato nel 2009 dalla pittrice tedesca Michelle Hold e che accorpa attorno a sé numerosi colleghi,  italiani e stranieri,  realizzando un progetto espositivo, rinnovato nel tempo, focalizzato sul rapporto tra arte e natura e declinato su differenti temi. E’ una poesia silenziosa quella che ciascuno di loro ricava dalla materia, la luce esalta gli strati di colore, evoca ricordi e forme, infonde anima alle composizioni.

Giò Bonardi, legato per formazione e per mestiere alla grande tradizione dell’arte antica, è scultore per vocazione e per prassi, la terracotta, la ceramica e il bronzo sono i suoi materiali di elezione.

Michelle Hold, instancabile e appassionata organizzatrice del gruppo, colore e  segno sono i suoi strumenti prediletti per rivelare il mistero che la natura cela dentro di sé,  pennellate che agiscono come fuochi luminosi per svelare l’energia universale.

Andrea Massari, il suo percorso artistico ha esplorato con attenta curiosità i diversi passaggi dell’arte del dopoguerra, per culminare nella attuale produzione fatta di campiture piatte e di colori decisi, di forme chiuse e di linee aperte verso l’infinito.

Bona Tolotti, è segnata da un imprinting preciso, eredità dei suoi viaggi, delle sue ricerche etnografiche e antropologiche, che si traducono in immagini visionarie, icone di mondi lontani nel tempo e nello spazio.

Daniela Vignati, nel suo insistito dialogo con se stessa, nel continuo cercare, instancabile, del quale a volte non si scorge la meta, nasconde la propria inquietudine in una narrazione onirico-fiabesca, sempre diversa e sempre uguale, senza confini visibili e senza soluzione.

 

La mostra resterà aperta nei seguenti orari: 10.00-12.30 / 16.30-19.30, chiuso domenica e lunedì mattina.

Grati se vorrete darne notizia nelle vostre pagine d’arte porgiamo cordiali saluti.

 

(comunicato stampa)